Trail Degli Invincibili

Un bellissimo Trail attraverso luoghi spettacolari, insoliti, racchiusi da una cerchia di monti dove tra tutti emerge il Cornour, da questa parte quasi inaccessibile!

Il nuovo percorso

Un nuovo Trail in Val Pellice con partenza ed arrivo dal Laghetto Nais di Bobbio Pellice!

Un occasione per conoscere la nostra Valle

Il nostro "Trail degli Invincibili", oltre ad essere un importante momento di sport vuole essere un occasione per conoscere il territorio della Val Pellice, non solo per le sue bellezze paesaggistica ma soprattutto per la sua ricca storia e cultura.

sabato 24 ottobre 2020

MARCIA ALPINA, L’INUTILE SPLENDIDA FATICA

 


E SE NON POSSO PIU’ SPEAKERARE…SCRIVO!

 Alle passioni che hanno contribuito ad arricchire il nostro vivere non deve essere impedito di volare specie se sono state condivise ed hanno generato amicizie e storie che hanno contribuito a riempire i nostri anni di vita.

 Uno spazio importante, per me, è stato occupato dalla passione per lo sport e, prevalentemente, per la MARCIA ALPINA. Uso un termine desueto per identificare la passione di correre sui monti una volta esclusiva di pochi quanto forti atleti e divenuta oggi, fortunatamente, passione di massa.

A guardare bene non è cambiato solo il numero dei corridori di montagna, è cambiato radicalmente quel mondo fin dal suo stesso spirito passando dalla generica e super competitiva Marcia Alpina del secolo scorso alle più moderne, altisonanti e variegate definizioni: Corsa in Montagna, Trail Running e Sky Running. Tanti nomi ma la stessa passione per uno sport che abita i confini tra l’agonismo e l’ascetismo.

 Le passioni condivise non possono essere affidate solo ai ricordi ma devono lasciare traccia sulla carta stampata. Serve per risvegliare nei protagonisti dei tempi andati antiche emozioni ma anche e soprattutto per portare a conoscenza delle migliaia degli attuali “corridori del cielo” le radici della loro faticosa passione sportiva.

 Questo libro propone un viaggio tra le competizioni di Marcia Alpina del secolo scorso, alcune miracolosamente ancora in vita, raccontandone storie ed aneddoti più che declamarne i vincitori. Ho pescato molto dai miei ricordi con qualche aiuto richiesto e gentilmente fornitomi qua e là dove i ricordi erano più labili. L’ambito territoriale è quello da me prioritariamente frequentato in circa 40 anni di pratica sportiva: le valli del Torinese, del Canavese, del Cuneese fino a raggiungere l’Eporediese con limitate puntate in Valle d’Aosta ed in Val Sesia.

 Il limite definito non comprende tutte le gare che vi erano allestite: un criterio del tutto personale mi ha permesso effettuare una selezione indispensabile al fine della realizzazione del libro. Le scelte effettuate non sono state determinate da un giudizio di merito sulle varie gare ma esclusivamente da quelle da me partecipate e dai ricordi personali che mi hanno lasciato.

 Per le numerose assenze, per le quali mi scuso, auspico che qualche “penna sportiva” possa riportarne i ricordi arricchendo anche me per le emozioni mancate causa l’impossibile ubiquità.

 Il libro riporta la nostalgia per le vecchie e care “Marce Alpine” aggiungendovi storie collaterali quali la conquista sportiva del Monviso, l’evoluzione negli anni della disciplina ed il tentativo, targato Laz@run, di ridare vita alle antiche passioni.

 A complemento del libro alcune storie/aneddoti frutto delle divagazioni immaginarie nel periodo del “confinamento” legato all’emergenza Covid – 9 che ha costretto gli amici delle fatiche in natura a strane meditazioni domestiche.

 Carlo Degiovanni carlodegio@gmail.com

 

 

domenica 18 ottobre 2020

BARGE - MONTEBRACCO: edizione speciale a cronometro individuale

 DAVIDE PREVE E FRANCESCA GHELFI SI CONFERMANO ALLA BARGE - MONTEBRACCO


Circa 1000 metri di dislivello più sotto, dalla sua casa di Envie, Marius ha assistito all’impresa dei 101 protagonisti della 8° edizione della classicissima di Corsa in Montagna (sola salita) Barge – Montebracco. Chiedendo scusa ai Campioni è da lui che vogliamo partire a raccontare di questo fenomenale mix di sport e solidarietà che ha caratterizzato i sentieri che dalla bargese Piazza della Madonna salgono, via Trappa, alla Croce di Envie sulla cima della “Montagna di Leonardo”: 7,7 km di lunghezza e 970 mt di dislivello.

Oggi, domenica 18 ottobre 2020, è stato il giorno del suo 35° compleanno ed è soprattutto per lui che la Podistica Valle Infernotto ha allestito, tra mille difficoltà burocratiche ma in piena sicurezza l’evento con la fattiva collaborazione della Fidal Piemonte.

Marius ha bisogno di cure per cercare di tornare ad una vita normale e la risposta di atleti, amici e semplici cittadini è stata portentosa dal punto di vista umano e dal punto di vista economico! Un grande aiuto per un grande amico. Grazie a tutti e complimenti alla società dei “diavoli” che per un giorno almeno ha assunto sembianze paradisiache! Lo sport, soprattutto lo sport di montagna, è capace quando serve di implementare l’agonismo con la solidarietà.


La gara ha visto una partecipazione altamente qualificata sia in campo maschile che femminile. Per quanto riguarda gli uomini, a tentare di avvicinare lo storico record di Bernard Dematteis (42’15”) ci hanno provato Davide Preve (Roata Chiusani), Lorenzo Becchio (Atletica Pinerolo) e Paolo Bert (Pod. Valle Infernotto) finiti poi nell’ordine citato nella classifica finale con i tempi rispettivi di 47’01”, 47’50” e 48’52”. In campo femminile invece era presente la detentrice del record, quella Francesca Ghelfi, astigiana della Podistica Valle Varaita che con la sorella Erica fa sorridere il selezionatore della rappresentanza nazionale di specialità Paolo Germanetto. In questo caso il record precedente (53’52”) è stato frantumato con uno strepitoso 52’14” che l’ha collocata nella 7° posizione assoluta! In 52’35” la sorella maggiore Erica conquista la seconda piazza mentre dalla Valle d’Aosta (Atl. Monterosa) è giunta la terza classificata Chiara Giovando (56’38”) sicuramente più a suo agio in distanze e tracciati più impegnativi.

C


’è stato spazio per i giovani che hanno percorso l’intero tracciato: Giacomo Bruno (Atl. Pinerolo – 51’41”) vince tra gli Junior maschili (5° posto assoluto) seguito da Luca Paul Beitone (Pod. Valle Varaita – 56’54”) e Samuele Barale (Atl. Pinerolo – 1.02’50”). Nicolas Bouchard (Atl. Saluzzo – 49’25”) conquista la 4° piazza assoluta e la prima posizione nella categoria Promesse.

Su di un tracciato più breve, con traguardo alla Trappa, si sono misurate le atlete più esperte per le quali i premi vanno implementati da tanti applausi ed ammirazione: Graziella Stefani (S.D. Baudenasca) e Danile Bruno de Clarafond le protagoniste. 

Scarica QUI la classifica



domenica 27 settembre 2020

GLI INVINCIBILI CELEBRANO IL TRAIL CHE NON C’E’

 MEYNET E BESSE’ PALESATE A FESTA PER SALUTARE I 62 PROTAGONISTI


62 iscritti e partenti (più Ettore, l’erede di Ulisse), 60 arrivati e due dispersi. E’ questo il bollettino ufficiale che sancisce la conclusione della edizione “salvo intese” del Trail degli Invincibili che ha avuto “non luogo” a Bobbio Pellice domenica 27 settembre 2020. Il risultato è autorevolmente sancito dal documento redatto dal Centro Elaborazione Dati “Truck e Branca” tornato in auge arricchito di nuove professionalità dopo la defaillance palesata in occasione della Tre Rifugi (edizione “che non c’è”). Il dato dei dispersi non preoccupa stante la precarietà del soggetto deputato alla conta: quell’appellativo Truck e Branca lascia intendere una certa qual approssimazione sugli elaborati ed è su questo elemento che fanno affidamento gli organizzatori.

Approssimazione che non riguarda i protagonisti delle varie interpretazioni della manifestazione sportiva.

Diamo la priorità ai competitivi iniziando dalle Atlete: va citata la vittoria di Antonella Lamberti che ha percorso il tracciato in 2.32”02” seguita da Irene Negrin (2.45’06” e due ginocchia sbucciate) e Carola Ferrero giunta a completare il podio in 2.58’08”.
Tra gli uomini prosegue il ventennale confronto tra Paolo Bert e Claudio Garnier che giungono rispettivamente al primo (1.46’17”) ed al terzo posto (1.49’53”). A fare visita agli Invincibili sale, però, dal Villaretto di Bagnolo Piemonte Maurizio Fenoglio, compagno di squadra di Paolo, che conquista la seconda posizione (1.46’37”).

Poi, però, ci sono stati gli atleti che hanno dato più importanza al severo ambiente che caratterizza il Trail che al banale cronometro percorrendolo, quindi, al passo utile al bene del fisico e della mente: Roberta Bellacicco, Michela Ruzza, Alexandre Carlotta e Daniele Giacalone i “winners”.

La categoria del “certificato di esistenza in vita” ovvero, di coloro che partecipano semplicemente per sentirsi o riscoprirsi vivi è stata la più frequentata; sicuramente da me ma non so se ne sono il vincitore: d’altra parte quale migliore tampone del provare a percorrere 20 km con 1400 metri di dislivello? Se si arriva in fondo prima delle 5 ore vuole dire che i polmoni funzionano ancora bene e, salvo i due presunti dispersi, “tutti ci arrivammo!”.

Un solo partecipante alla categoria dei raccoglitori di funghi ed escluso dalla classifica finale perché ha rifiutato di mettere a disposizione il “boletus” dalle dimensioni davvero impressionanti ai voraci protagonisti del terzo tempo finale.  Quest’ultimo elemento ha concluso “onions free” una bella e fresca mattinata di sport presso il Laghetto Nais di Bobbio Pellice.



Ed il prossimo anno vedremo di essere più seri.
Carlo Degiovanni

La classifica dei truc e branca






giovedì 24 settembre 2020

Per l'amico Marius!

 


“With a little help from my friends”, il titolo del celebre brano dei Beatles tradotto al singolare diventa “con un piccolo aiuto per Marius” ed è questo che la Podistica Valle Infernotto intende realizzare in concomitanza della 8° edizione della manifestazione sportiva Barge – Montebracco in programma per la prossima DOMENICA 18 OTTOBRE 2020.

 L’amico è MARIUS GADALEAN, amico e compagno di mille avventure sportive. Dalla primavera 2018 un grave problema di salute non gli ha più permesso di essere “dei nostri” in termini sportivi e lo costringe all’immobilità attenuata dal grande affetto dei famigliari, della sua compagna, dal sostegno di amici e dalle cure delle quali necessita in modo continuativo.

 Per aiutare Marius la Podistica Valle Infernotto, società che si è arricchita della sua presenza, propone una raccolta fondi finalizzata a CONTRIBUIRE FINANZIARIAMENTE ALLE SUE CURE. Per questo la ASD ha deciso, pur nelle difficoltà organizzative attuali di allestire, in piena sicurezza, la 8° edizione della Barge – Montebracco.

 Per i citati motivi la 8° edizione della Barge – Montebracco sarà limitata nel riconoscimento di premi di classifica escludendo i premi di partecipazione al fine di contenerne i costi e dare, agli atleti, una occasione per competere e, nel contempo, contribuire al sostegno ed alla vicinanza di un Amico e dei suoi affetti.

 Per gli atleti è data la disponibilità ad una ulteriore offerta, in aggiunta alla quota di € 8 per l’iscrizione, contestualmente alla iscrizione sul Sito www.wedosport.net.

 Nel contempo, non essendo possibile l’organizzazione, allo stesso scopo, della ipotizzata “Camminata al Montebracco” invita tutti coloro che intendono contribuire alla raccolta fondi a fare pervenire la propria offerta presso i seguenti punti raccolta:

 Revello: Bar Excalibur

Envie: Pezzolato S.p.A.

Barge: Distributore ENI

 Oppure:

Tramite versamento BONIFICO BANCARIO al seguente Iban intestato alla ASD Podistica Valle Infernotto: IT81X0838245950000190101008 – Causale: per l’amico Marius

 Tramite SATISPAY al n. 3314462025 – Causale. Per l’amico Marius

 Un sentito ringraziamento dalla ASD PODISTICA VALLE INFERNOTTO a tutti coloro che vorranno essere protagonisti di questo gesto di solidarietà del quale verrà fornito un dettagliato resoconto conclusivo.

 


mercoledì 2 settembre 2020

NON CI SONO PIU’ GLI INVINCIBILI DI UNA VOLTA

 

TRAIL DEGLI INVINCIBILI – DOMENICA 27 SETTEMBRE 2020 – 
BOBBIO PELLICE - LAGHETTO NAIS
CHI VUOLE, SE PUO’, CORRE. NON E’ VIETATO CAMMINARE O PASSEGGIARE! 
POI…IL PRANZO E’ SERVITO!

Non potendo allestire, per i motivi conosciuti, la manifestazione sportiva nella classica formula che chiude la stagione dei Trail in Val Pellice, gli Invincibili, specie sul versante culinario, non si arrendono!!!

Realizzati i lavori di pulizia del classico tracciato (al momento avaro di funghi) propongono agli appassionati di corsa e camminata una libera escursione sui sentieri del Vallone degli Invincibili a partire dalle ore 8,30. L’escursione, a passo libero, come si diceva un tempo, seguirà fedelmente il tracciato del Trail degli Invincibili con sosta facoltativa alla nuova struttura collocata a Barma d’Aout. Complessivamente circa 20 km e 1300 metri di dislivello.

Il riscontro cronometrico troverà sede di discussione, confronto e forse anche formalizzazione nel corso del PRANZO allestito nella capiente area verde del laghetto del Nais al quale potranno partecipare anche amici e familiari.

Dopo il pranzo Musica ed Allegria intorno al Laghetto!


Il costo del pranzo è di Euro 12,00 prevedendo ... 
Antipasti misti, Pasta al ragù, Formaggio, Dolce, Acqua e Pane

La partecipazione al pranzo è vincolata dalla prenotazione obbligatoria entro ...
SABATO 26 SETTEMBRE
telefonando al Laghetto Nais: 0121 957776 – 335 5891468